Qualche giorno fa, accompagnati dai Vigili del fuoco,  siamo stati vicini alla comunità per una celebrazione sul piazzale del cimitero monumentale di Castel Murato (colle Fantellino). L’accesso al cimitero di Ussita è vietato dopo i terremoti di ottobre 2016 a causa dei danni ingenti alla struttura risalente al 1382.

Un importante, seppur breve, abbraccio ai propri cari a cui volevamo far arrivare anche il nostro. Dopo la celebrazione abbiamo incontrato la prima bambina nata ad Ussita dopo il sisma, a testimonianza che dolore e rinascita sono due gambe che camminano insieme, ed entrambe ci appartengono.

Foto di Claudio Colotti.

Questo slideshow richiede JavaScript.